11
<<

'Un'ora per il Banco Alimentare': dal gruppo Grabrielli 25mila euro di prodotti per i bisognosi

Quattro le regioni coinvolte, Marche, Molise, Umbria, Abruzzo e ventuno punti di vendita Oasi

PESCARA - Un'intensa e capillare attività di supporto per la Fondazione Banco Alimentare Onlus ha caratterizzato la giornata di venerdì 18 gennaio: quattro le regioni coinvolte, Marche, Molise, Umbria, Abruzzo, dove ventuno punti di vendita Oasi hanno aderito alla speciale maratona di beneficenza “Un’ora per il Banco” che ha visto il Gruppo Gabrielli in prima linea per un gesto concreto di vicinanza ai bisogni del territorio.
Ammonta a circa 25 mila euro il valore complessivo dei beni alimentari donati dall'azienda a seguito del forte coinvolgimento dei clienti che si sono prestati a selezionare le referenze indicate nella speciale lista della spesa realizzata dal Banco Alimentare. Un gesto di generosità e partecipazione virale, servito oltre che per far fronte ad un'emergenza concreta anche per contribuire a far conoscere l'operato della onlus e la passione dei volontari sempre pronti a mettersi a disposizione.
“Siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti da questa seconda edizione – ha detto Barbara Gabrielli vicepresidente del Gruppo Gabrielli –: come azienda abbiamo sempre confermato la nostra vicinanza al Banco Alimentare. Ma questa operazione, con il coinvolgimento riscontrato, ci ha dato anche l'opportunità di avvicinare i nostri clienti alla catena di solidarietà che muove ogni giorno l'operato della onlus”.
“Il nostro grazie di cuore – commenta Luigi Nigliato, presidente del Banco Alimentare dell’Abruzzo - al Gruppo Gabrielli, che ha dimostrato come sempre una grande generosità, e ai numerosi clienti che hanno voluto coinvolgersi con un’iniziativa tanto bella quanto utile”.

Allmedia Comunicazioni P.I.01986210688 - tel. 3279033474
Testata giornalistica AllNewsAbruzzo.it registrata presso il Tribunale di Pescara al n. 18/2011 dell'8/11/2011 - Iscrizione al Roc n. 22390.
Alune fotografie potrebbero essere prese dalla rete consideandole di dominio pubblico. I leggittimi proprietari, contrari alla pubblicazione, possono contattare la redazione.