21
<<

Abruzzo. Dall’Enpa un ''Piano Marshall'' per i randagi della Regione

Già Consegnati 16 bancali di aiuti, con cibo, cucce, antiparassitari

ROMA – Sette tonnellate di pet food, cucce, trattamenti antiparassitari per 500 animali tra cani (300) e gatti (200). Mercoledì 20 marzo l’Ente Nazionale Protezione Animali ha consegnato 16 bancali di aiuti destinati ai volontari Enpa che operano quotidianamente in Abruzzo per assistere i randagi, cani e gatti. Il materiale è stato preso in carico ad Omero di Mattia, coordinatore regionale Enpa per l’Abruzzo, che provvederà poi a smistarlo in funzione delle reali necessità che si presenteranno di volta in volta sul territorio.
Organizzato nell’ambito del progetto “Un aiuto subito”, promosso dall’Ente Nazionale Protezione Animali per fare rete tra tutte le oltre 200 Sezioni e i 3.000 volontari attivi in tutto il Paese, l’invio degli aiuti si configura come un vero “Piano Marshall” di Enpa per l’Abruzzo. Una regione, questa, dove l’emergenza endemica legata al randagismo felino e canino, spesso aggravata dalle inadempienze di molte amministrazioni comunali, si somma alle criticità di un contesto ad elevato pericolo sismico.
«Il progetto “Un aiuto subito” nasce con l’obiettivo di creare una stretta collaborazione tra tutte le realtà che appartengono ad Enpa, utilizzando tale sinergia per affrontare in modo tempestivo ed efficace le situazioni di crisi che si dovessero presentare sul territorio», spiega Marco Bravi, responsabile Comunicazione e Sviluppo Iniziative Enpa, promotore del progetto “Un aiuto subito”. «Insomma - prosegue Bravi - l’iniziativa è stata studiata per dare un supporto concreto alle Sezioni e ai volontari Enpa nelle gestione di tutte le emergenze legate agli animali».

Allmedia Comunicazioni P.I.01986210688 - tel. 3279033474
Testata giornalistica AllNewsAbruzzo.it registrata presso il Tribunale di Pescara al n. 18/2011 dell'8/11/2011 - Iscrizione al Roc n. 22390.
Alune fotografie potrebbero essere prese dalla rete consideandole di dominio pubblico. I leggittimi proprietari, contrari alla pubblicazione, possono contattare la redazione.