2
<<

Accoglienza e integrazione, studenti allo Sprar

I ragazzi del Liceo Misticoni-Bellisario hanno svolto un laboratorio artistico sul tema delle Maschere africane, un modo per socializzare, conoscersi e stabilire relazioni attraverso il linguaggio universale dell’arte

PESCARA - Approfondire storie e culture diverse attraverso le testimonianze dirette dei migranti per superare pregiudizi e paure: questo è quanto avvenuto presso lo SPRAR per minori stranieri non accompagnati di Pescara, nell’ambito del progetto Erasmus + “Who wants to be a refugee?” che ha coinvolto un gruppo di studenti del Liceo Misticoni Bellisario – Victor Carchesio, Maria Rita De Felice, Paola Finocchio, Alessia Orlando, Mauro Pellicciotti, Martina Piccininno - le Prof.sse Giuseppina De Giovanni e Daniela Stancu, le educatrici della struttura – Silvia Speranza e Claudia Agostinone e sette ragazzi ospiti dello SPRAR.
I ragazzi hanno svolto un laboratorio artistico sul tema delle Maschere africane, un modo per socializzare, conoscersi e stabilire relazioni attraverso il linguaggio universale dell’arte.
Gli studenti hanno approfondito le tematiche della diversità e dell’integrazione delle popolazioni nel tessuto sociale, attraverso interviste e momenti di confronto artistico e musicale, per ripercorrere il viaggio, paradigma dell’intera esistenza umana.
I ragazzi ospiti dello SPRAR del Comune di Pescara hanno intrapreso per davvero quel viaggio per poter sopravvivere, per incontrare persone diverse con cui dialogare, scambiare opinioni, aprirsi al mondo, raccontare la propria storia e ascoltare quelle altrui.
Gli studenti del Liceo Misticoni Bellisario si interrogano e toccano con mano la complessa realtà di chi è ora rifugiato in terra straniera, di chi si è lasciato alle spalle storie di morte, naufragi, abbandoni e speranze, per analizzare e comprendere un fenomeno storico complesso e diffuso oggi come mai in precedenza.
Un modo nuovo di fare scuola che sarà testimoniato nella prossima mobilità Erasmus + in Danimarca, dove continueranno gli incontri con gli altri paesi partner, Bulgaria, Polonia e Turchia.
Il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR), attivo in Italia dal 2001, è composto da una rete di enti locali che, attraverso fondi nazionali, realizzano progetti di accoglienza integrata; il sistema non si limita a un’accoglienza meramente assistenziale ma è volto ad integrare le persone nel territorio.

Allmedia Comunicazioni P.I.01986210688 - tel. 3279033474
Testata giornalistica AllNewsAbruzzo.it registrata presso il Tribunale di Pescara al n. 18/2011 dell'8/11/2011 - Iscrizione al Roc n. 22390.
Alune fotografie potrebbero essere prese dalla rete consideandole di dominio pubblico. I leggittimi proprietari, contrari alla pubblicazione, possono contattare la redazione.
il fitness si basa sul principio di michele che clicca qui per scoprire il metodo fitness originale

la salute è una cosa molto importante sito web ecco perche deve essere preservata

il body building è solo per uomini che palestriamo dal momento che si alzano a quando dormono

facendo palestra non si aumenti di peso ma se sei grasso è possibile

A me piace moltissimo studiare il fitness infatti mi sono iscritto ad una scuola importante

se ce una cosa che per me è fondamentale sono attrezzi da fitness non posso farne a meno

Domenico è un grande allenatore di fitness clicca qui per guardare il suo profilo