6
<<

'Cardiologie aperte' domenica all’Ospedale di Chieti

Valutazione gratuita del rischio cardiovascolare e informazioni su patologie e stili di vita

CHIETI - Porte aperte ai cittadini domenica prossima, 17 febbraio 2019, dalle ore 10 alle 13 e dalle 15 alle 18 negli ambulatori della Cardiologia e Utic dell’Ospedale di Chieti, diretta da Marcello Caputo, per l’iniziativa “Cardiologie aperte” che si svolge questa settimana in tutta Italia. Le persone di età compresa tra i 45 e i 65 anni potranno presentarsi direttamente in ospedale, al IX livello del corpo M, e chiedere una valutazione gratuita del valore del rischio cardiovascolare e stimare in tal modo la probabilità di andare incontro a patologie che interessano il cuore nei prossimi dieci anni. Qualora il rischio risulti elevato, i medici della Cardiologia Utic potranno programmare una visita specialistica cardiologica e gli esami strumentali più adeguati.
Nell’attesa saranno distribuiti opuscoli informativi sulle varie patologie del cuore, sulle buone norme dell'alimentazione, sui pericoli del fumo, sull’importanza dell'attività fisica regolare, fornendo risposte alle domande degli interessati.
“Cardiologie aperte” è promossa dall’Associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri (Anmco) con la Fondazione “Per il tuo cuore - Hcf onlus”. Un ruolo centrale nell’iniziativa ha il progetto nazionale di prevenzione cardiovascolare “Banca del cuore” che, attraverso uno screening completo delle persone, dei loro dati sanitari e delle loro abitudini di vita, ha già permesso di avere un database di dati sanitari sconfinati a cui il cittadino può accedere e condividere le informazioni che lo riguardano con il proprio medico. Dati che, in situazioni di emergenza, potrebbero rivelarsi vitali. Informazioni su www.bancadelcuore.it.

Allmedia Comunicazioni P.I.01986210688 - tel. 3279033474
Testata giornalistica AllNewsAbruzzo.it registrata presso il Tribunale di Pescara al n. 18/2011 dell'8/11/2011 - Iscrizione al Roc n. 22390.
Alune fotografie potrebbero essere prese dalla rete consideandole di dominio pubblico. I leggittimi proprietari, contrari alla pubblicazione, possono contattare la redazione.