<<

Mostra antologica Vincenzo Bonanni 2008/2018 a L'Aquila

Inaugurazione domani alle ore 17 a Palazzo Pica Alfieri

L'AQUILA - Domani sabato 29 settembre dalle ore 17 sarà possibile visitare Palazzo Pica Alfieri a L’Aquila, il gioiello barocco che verrà aperto al pubblico dopo il lungo e difficile restauro seguito al sisma del 2009. Padrino dell’evento sarà il noto artista Vincenzo Bonanni che fino al 4 novembre esporrà una grande Mostra antologica su tutto il palazzo, tre livelli per tre percorsi espositivi con più di 250 opere. La mostra Vincenzo Bonanni 2008/2018, omaggio ai primi dieci anni di attività dell’artista, è stata realizzata con il sostegno del gruppo Aldo Del Beato & C., che ha realizzato anche il restauro dell’edificio, in accordo con il Comune dell’Aquila, Regione Abruzzo, Provincia dell’Aquila, Consiglio Regionale, Teatro Stabile d’Abruzzo nonché dalla Soprintendenza ai Beni Culturali.
Le opere in Mostra ripercorrono le tappe salienti della carriera di Bonanni attraverso i progetti che in dieci anni lo hanno portato ad esporre in importanti città come Londra, Venezia, Roma, Innsbruck e Firenze. Quadri che si osservano ascoltandone i suoni, i rumori, gli accordi, le parole ora sussurrate ora urlate a squarciagola. Un decennio d’arte e pittura di Bonanni, dalle origini con Rebel rebel e StramBò, ai successivi progetti di WARHOLism e Keep Moving, passando per le tappe cruciali della sua ricerca con Kyrie Eleison, Solitudini/Loneliness e Anamnesi. Uno sguardo che scorre rapido sul mondo e rapidamente lo mette a fuoco in opere compiute, analitiche, mai distratte.
In concomitanza con l’evento uscirà per la casa editrice Gangemi il catalogo monografico "Vincenzo Bonanni 2008/2018", con le prefazioni di Patty Pravo, la deputata Stefania Pezzopane, la scrittrice Annalisa De Simone e l’architetto Antonio Di Stefano (MiBAC).

Allmedia Comunicazioni P.I.01986210688 - tel. 3279033474
Testata giornalistica AllNewsAbruzzo.it registrata presso il Tribunale di Pescara al n. 18/2011 dell'8/11/2011 - Iscrizione al Roc n. 22390.
Alcune fotografie potrebbero essere prese dalla rete considerandole di dominio pubblico. I legittimi proprietari, contrari alla pubblicazione, possono contattare la redazione.