2
<<

MILLEPROROGHE, COLLETTI: CON APPROVAZIONE EMENDAMENTO SCONGIURIAMO CHIUSURA OSPEDALE PENNE E POPOLI

Lo afferma il portavoce del MoVimento 5 Stelle Andrea Colletti, primo firmatario dell’emendamento approvato a Montecitorio

PESCARA - “Oggi, durante la votazione in Commissione Affari Costituzionali alla Camera, è stato approvato un mio emendamento grazie al quale viene prorogata, di un ulteriore anno, la deroga alla riorganizzazione ospedaliera prevista dal famigerato decreto Lorenzin. Ciò significa che grazie a questo gli ospedali di Penne e Popoli – così come altri ospedali che si trovano nel cratere sismico del Centro Italia, potranno evitare la chiusura o il declassamento. Il provvedimento, infatti, consente alla Regione Abruzzo di derogare a quanto previsto dal decreto Lorenzin sulla riorganizzazione ospedaliera, in particolare per quanto riguarda le strutture che si trovano a 30 chilometri dai Comuni all’interno del cosiddetto ‘cratere sismico’ del Centro Italia. La deroga sarà fino al 30 aprile 2022, ora la Regione ha ancora più tempo per salvare l’ospedale e garantire un servizio sanitario ai cittadini dell’aerea interessata.” Così, in una nota, il portavoce del MoVimento 5 Stelle Andrea Colletti, primo firmatario dell’emendamento approvato a Montecitorio. “Fino ad oggi, nonostante la Regione Abruzzo avesse già la possibilità di scongiurare autonomamente il declassamento degli ospedali di Penne e Popoli, grazie sempre ad un mio emendamento, nulla è stato fatto. Ora si spera che la Regione Abruzzo non accampi più scuse. A differenza di chi abbandona la aree interne favorendone lo spopolamento, il Movimento 5 Stelle si impegna a beneficio di tutti i territori.

Allmedia Comunicazioni P.I.01986210688 - tel. 3279033474
Testata giornalistica AllNewsAbruzzo.it registrata presso il Tribunale di Pescara al n. 18/2011 dell'8/11/2011 - Iscrizione al Roc n. 22390.
Alune fotografie potrebbero essere prese dalla rete consideandole di dominio pubblico. I leggittimi proprietari, contrari alla pubblicazione, possono contattare la redazione.