<<

PER LE NAIADI PROROGA DELLA REGIONE

Lo ha riferito il Presidente della Commissione Statuto e Rapporti con la Regione Abruzzo Claudio Croce

PESCARA - “L’impianto sportivo de Le Naiadi non chiuderà neanche per un giorno. Entro le prossime ore la Regione Abruzzo disporrà una proroga del contratto all’attuale gestore, della durata di un anno, durante il quale occorrerà verificare la validità del Project Financing proposto da una cordata che vede come capofila l’imprenditore Amedeo Pomilio, Project che è stato rimodulato dagli iniziali 11milioni di euro a 3milioni 800mila euro. Nel frattempo la proroga di un anno serve a dare sufficienti garanzie a utenti, famiglie e atleti e seppure, alla fine, dovesse naufragare il progetto di finanza, comunque la Regione è pronta con il Piano B, ovvero il bando per la gestione dell’impianto che avrà una durata minima di 10-11 anni per consentire all’imprenditore, che assumerà l’onere di guidare il complesso, di investire e di avere il tempo per recuperare e ammortizzare le spese sostenute. Sono queste le rassicurazioni ricevute oggi dal consigliere regionale Guerino Testa, capogruppo del partito, Fratelli d’Italia, dell’assessore regionale allo Sport Guido Liris sulla situazione de Le Naiadi”. Lo ha detto il Presidente della Commissione Statuto e Rapporti con la Regione Abruzzo Claudio Croce al termine della seduta congiunta con la Commissione Sport presieduta da Adamo Scurti.
“Abbiamo ritenuto giusto e opportuno focalizzare la nostra attenzione sul futuro de Le Naiadi – ha sottolineato il Presidente Croce -, una struttura sportiva che rappresenta un valore aggiunto per la nostra città e per la regione Abruzzo, capace di offrire un servizio fondamentale alle famiglie e ai ragazzi, una struttura che dunque doverosamente deve sempre essere al centro delle attenzioni e dei ragionamenti della politica. Il Comune di Pescara non ha una diretta competenza sulla gestione del complesso, ma è evidente che, come amministrazione, ci riteniamo soggetto interessato e il nostro auspicio, chiaramente, è che gli Organi competenti facciano tutto il possibile per garantire la tutela di una struttura che nel tempo ha subito fin troppi contraccolpi. Oggi abbiamo ricevuto in tal senso delle rassicurazioni concrete da parte del consigliere regionale di Fratelli d’Italia Guerino Testa che, peraltro, hanno confermato quelle già arrivate dal Presidente del Consiglio della Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri già nel giorno in cui la squadra di Pallanuoto di A2 ha annunciato la propria mancata iscrizione al campionato proprio per il presunto clima di incertezza che si registra attorno al futuro dell’impianto sportivo. E invece oggi sono arrivati paletti e punti fermi: Le Naiadi non subiranno ulteriori chiusure; la scadenza dell’attuale gestione all’Ati è fissata al prossimo 31 luglio e nelle prossime ore verrà formalizzata la proroga massimo per un anno perché in questo periodo bisognerà verificare il Project Financing rimodulato da 11milioni di euro a 3milioni e 800mila euro, accertando la disponibilità della cordata imprenditoriale ad andare avanti. La proroga ci consentirà di dare le opportune garanzie agli utenti circa la funzionalità dell’impianto natatorio e, nel frattempo, se il Project Financing non dovesse andare in porto gli uffici regionali stanno elaborando il nuovo bando per la gestione che dovrà avere una durata di almeno 10 o 11 anni, dunque una concessione a lungo termine per consentire all’imprenditore di recuperare i propri investimenti. Purtroppo il Covid-19 comunque ha determinato un periodo di stallo che ora gli uffici regionali stanno recuperando e nel frattempo come amministrazione comunale continueremo a seguire le varie fasi della vicenda”.

Allmedia Comunicazioni P.I.01986210688 - tel. 3279033474
Testata giornalistica AllNewsAbruzzo.it registrata presso il Tribunale di Pescara al n. 18/2011 dell'8/11/2011 - Iscrizione al Roc n. 22390.
Alcune fotografie potrebbero essere prese dalla rete considerandole di dominio pubblico. I legittimi proprietari, contrari alla pubblicazione, possono contattare la redazione.