<<

600 CHILOMETRI DI STRADE ABRUZZESI ALL'ANAS

Soddisfatti i consiglieri di Fratelli d'Italia in Regione

PESCARA – Il gruppo consiliare di Fratelli d'Italia esprime la propria soddisfazione in relazione al trasferimento di oltre 600 km di strade provinciali alla competenza dell’Anas.-Lo affermano in una nota il capogruppo in Consiglio regionale, Guerino Testa e del consigliere Mario Quaglieri- Il lavoro portato avanti dal Presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, in tema di infrastrutture sta continuando a dare risultati positivi e importanti per tutti gli abruzzesi. Sin dal suo insediamento, il presidente Marsilio aveva sottolineato quanto gli interventi sulle infrastrutture siano prioritari per garantire alla regione una sostanziale crescita. Abbiamo assistito in questi mesi a rilevanti novità per quanto riguarda i porti, ad impegni concreti e sollecitazioni al Governo nazionale sulla grande viabilità ed interventi decisivi sulla viabilità ordinaria, grazie alla rimodulazione dei fondi Masterplan che hanno permesso alle Amministrazioni provinciali di effettuare lavori di manutenzione sulla propria rete viaria. Con il passaggio di competenza all' Anas di 600 chilometri di viabilità provinciale la Regione Abruzzo potrà contare su una manutenzione puntuale e programmata nel tempo e le Amministrazioni provinciali potranno concentrarsi sui lavori in tratti stradali che necessitano di interventi urgenti. Il gruppo consiliare di Fratelli d’Italia ringrazia per il lavoro svolto il presidente Marsilio, il sottosegretario Umberto D'Annuntiis e gli uffici competenti, che sono riusciti a garantire questo importante risultato. Un plauso anche ai vertici di Anas che hanno saputo comprendere le richieste della Regione facendosi carico di opere che porteranno benefici certi a tutti i cittadini".

Allmedia Comunicazioni P.I.01986210688 - tel. 3279033474
Testata giornalistica AllNewsAbruzzo.it registrata presso il Tribunale di Pescara al n. 18/2011 dell'8/11/2011 - Iscrizione al Roc n. 22390.
Alcune fotografie potrebbero essere prese dalla rete considerandole di dominio pubblico. I legittimi proprietari, contrari alla pubblicazione, possono contattare la redazione.