<<

50 POSTO AUTO A PIAZZA UNIONE: RICHIESTA DELLE COMMISSIONI MOBILITA’ E LAVORI PUBBLICI

Questa mattina sopralluogo al cantiere via Marconi

PESCARA - “Entro una ventina di giorni al massimo chiediamo che l’Ufficio tecnico comunale e l’assessore ai Lavori pubblici portino in Commissione la variante progettuale che permetterà di realizzare subito 50 posti auto nell’area di piazza Unione, alternativi a quelli cancellati dal nuovo tracciato per i bus lungo via Marconi. Riteniamo che, pur a fronte di un cantiere che sta correndo velocemente, riducendo i disagi per la cittadinanza, comunque l’allestimento di quei posti auto sia fondamentale per non lasciare scoperta una zona strategica, in cui insistono attività commerciali storiche, uffici e residenze. A questo punto riconvocheremo lo stesso assessore Albore Mascia in commissione per rivedere nel dettaglio il cronoprogramma di un’opera che abbiamo ereditato dalla precedente amministrazione di sinistra e che abbiamo dovuto portare avanti per non perdere i relativi finanziamenti vincolati alla realizzazione di quello specifico progetto”. Lo hanno detto il Presidente della Commissione Mobilità Armando Foschi e il Presidente della Commissione Lavori pubblici Massimo Pastore al termine del sopralluogo odierno congiunto nel primo tratto del cantiere, antistante piazza Unione. Presente il Responsabile della sicurezza Guido Arquilla.
“L’intervento procede e in un mese le ruspe hanno già provveduto a effettuare lo sbancamento della prima grande rotatoria, che oggi disciplina il traffico proveniente o diretto verso il Ponte Risorgimento, con l’immissione e l’uscita dall’asse attrezzato sul lato monte – hanno detto i Presidenti Foschi e Pastore -. In sostanza la rotatoria è stata aperta ed è stata realizzata una corsia di marcia interna dove transiteranno esclusivamente i mezzi pubblici, mentre le auto continueranno a transitare a destra e a sinistra della rotatoria. Contemporaneamente l’impresa si è già spostata verso sud, con la realizzazione di isole salvagente, che per ora servono ad aiutare i pedoni nell’attraversamento, offrendo loro un punto di sosta e che successivamente potranno essere impiegate anche per la discesa dei passeggeri dai bus; e ora si sta già lavorando sulla rotatoria all’incrocio tra via Marconi-via Da Vestea, e sulla rotatoria all’incrocio tra via Marconi e via Corradino D’Ascanio. Tutti gli attraversamenti, come ha riferito il Responsabile Arquilla, verranno poi disciplinati da semafori intelligenti i cui lavori di installazione, con relativi scavi, verranno concentrati nelle ore notturne per arrecare meno disagi possibile alla viabilità diurna, specie nel momento in cui il traffico si intensificherà in modo naturale con la riapertura delle scuole, tra circa dieci giorni. Restano però delle perplessità, a partire dal nodo dei parcheggi: come ormai noto – hanno ricordato i Presidenti Foschi e Pastore – il progetto in corso di realizzazione è amministrativamente nato il 24 maggio 2019, il giorno prima delle elezioni amministrative, quando l’ex giunta Alessandrini ha approvato la delibera numero 406 inerente la realizzazione del tracciato del trasporto pubblico in sede protetta in via Marconi, con gli studi di fattibilità e i progetti preliminari con una spesa pari a 1milione 300mila euro, finanziamenti SUS – POR Fesr. E quel progetto prevede purtroppo la cancellazione di oltre 96 posti auto sul lato monte della stessa via Marconi, previsione che, dopo mesi di incontri tecnici e riunioni, abbiamo in qualche modo compensato con la realizzazione di posti per la sosta auto alternativi lungo tutto il percorso. I primi 50 devono essere istituiti proprio nell’area che gravita tutt’attorno a piazza Unione, ovvero 19 stalli per la sosta delle autovetture e 4 stalli per gli scooter nell’ex piazzola del distributore di benzina posto all’incrocio tra via Marconi e via del Porto, che oggi ospita l’area di cantiere, la quale verrà però smantellata entro venti giorni per spostarsi nell’area antistante il Circolo Tennis; altri 24 stalli auto devono invece essere realizzati da un privato in via Nazario Sauro; altri 7 dinanzi al Punto Enel di via Conte di Ruvo. Oggi vogliamo conoscere la tempistica inerente l’allestimento e l’apertura al pubblico di questi primi parcheggi, anche per individuare il capitolo di finanziamento inerente la loro realizzazione, dunque se si tratta di un avanzo economico della gara d’appalto, e qual è lo stato di fatto del relativo progetto, che comunque è minimo e prevede essenzialmente la realizzazione di una nuova segnaletica. Pare evidente che non è pensabile attendere la chiusura del cantiere per un intervento di proporzioni ridotte. Ma non basta: come sottolineato dai consiglieri Fabrizio Rapposelli e Ivo Petrelli, preoccupa l’incrocio tra via Marconi e via Conte di Ruvo-via Marco Polo. Oggi, per il traffico in direzione sud-nord, da via Marconi sono previste due canne di circolazione, la prima per chi prosegue dritto verso il ponte Risorgimento, la seconda per chi deve svoltare a sinistra in via Conte di Ruvo. Questa seconda canna, però, oggi si troverà ostacolata dalla rotatoria per il transito preferenziale dei bus, permettendo solo alle prime due vetture di mettersi in una colonna separata, mentre tutte le altre auto, pur dovendo svoltare, dovranno mettersi in colonna a destra, mischiandosi alle vetture che devono proseguire dritto. Facile immaginare la formazione di lunghe colonne di vetture e una grande confusione nella viabilità. A fronte di tale problema, il Responsabile Arquilla ha prospettato una possibilità oggi all’esame dei tecnici, ossia l’eliminazione della svolta in via Conte di Ruvo per chi marcia in direzione sud-nord, che a quel punto dovrebbe allungare il proprio percorso sino alla rotatoria di piazza Unione e tornare indietro per immettersi nella stessa via Conte di Ruvo, ovvero ha ipotizzato una revisione complessiva della mobilità nella zona, sulla quale chiederemo subito chiarimenti ad assessore e Ufficio tecnico perché è evidente che tali stravolgimenti vanno approfonditi e discussi anche con la città, oltre che preparati. E per ora ci preoccupa il possibile caos del traffico che potrebbe scatenarsi tra dieci giorni con l’apertura delle scuole. A questo punto – hanno aggiunto i Presidenti Foschi e Pastore – riconvocheremo tutto il team di lavoro fra venti giorni innanzitutto per verificare i dettagli della variante sulla sosta e per capire come si intenda agire sulla mobilità generale, inevitabilmente colpita da un cantiere e da un progetto che stiamo cercando di correggere in ogni modo nell’interesse esclusivo del territorio”.

Allmedia Comunicazioni P.I.01986210688 - tel. 3279033474
Testata giornalistica AllNewsAbruzzo.it registrata presso il Tribunale di Pescara al n. 18/2011 dell'8/11/2011 - Iscrizione al Roc n. 22390.
Alcune fotografie potrebbero essere prese dalla rete considerandole di dominio pubblico. I legittimi proprietari, contrari alla pubblicazione, possono contattare la redazione.