<<

COVID-19, LA REGIONE CHIARISCE IL NUMERO DEI POSTI LETTO IN TERAPIA INTENSIVA

Sono 151 i posti letto mentre 38 sono quelli ancora da attivare e previsti dal piano di riordino della rete ospedaliera Covid, approvata dal Ministero lo scorso agosto

PESCARA - “In questi giorni in cui in Abruzzo si registra un aumento del numero dei contagi, è doveroso fare chiarezza sulla situazione dei posti letto in terapia intensiva nella nostra regione”. Lo sottolinea l’assessore alla Sanità, Nicoletta Verì, che ricostruisce il quadro sia dei posti letto già attivati, sia di quelli programmati e in fase di attivazione.
Prima dell’emergenza Covid, la dotazione complessiva di posti letto in terapia intensiva in Abruzzo era pari a 123. Il piano di riordino della rete ospedaliera Covid, approvata dal Ministero lo scorso agosto, ha programmato l’implementazione dei posti letto in terapia intensiva, prevedendone l’incremento di ulteriori 66. La scorsa settimana il Commissario straordinario per l’emergenza, Domenico Arcuri, ha delegato il Presidente della Regione Marco Marsilio quale soggetto attuatore degli interventi contenuti nel piano di riordino. Nel frattempo, però, la Regione aveva già predisposto l'attivazione di alcuni posti letto della dotazione aggiuntiva: ad oggi, dei 66 totali inseriti nella programmazione, ne risultano attivi già 28.
“Credo sia opportuno chiarire – conclude l’assessore – che in caso di necessità, così come avvenuto nella prima fase della pandemia, tutti i posti letto di terapia intensiva (sia quelli ordinari, sia gli aggiuntivi) vengono messi a disposizione per far fronte all’emergenza, con l’adozione di tutti i percorsi previsti per la separazione dei pazienti positivi al Covid da quelli non positivi”.

Allmedia Comunicazioni P.I.01986210688 - tel. 3279033474
Testata giornalistica AllNewsAbruzzo.it registrata presso il Tribunale di Pescara al n. 18/2011 dell'8/11/2011 - Iscrizione al Roc n. 22390.
Alcune fotografie potrebbero essere prese dalla rete considerandole di dominio pubblico. I legittimi proprietari, contrari alla pubblicazione, possono contattare la redazione.