<<

UNIVAQ INTITOLA AULA AL PROF. PIETRO LEOCATA

Mercoledì 13 dicembre cerimonia aula D4.2 dell'edificio Paride Stefanini

L’AQUILA - In occasione del primo anniversario della prematura e dolorosa scomparsa del Prof. Pietro Leocata, l’Università degli Studi dell’Aquila vuole onorare la memoria del Docente di Anatomia Patologica, attraverso l’intitolazione dell’Aula D4.2 dell’Edificio Paride Stefanini, dove ha formato tanti medici e odontoiatri e tanti specialisti, validissimi professionisti che ancora oggi lo riconoscono come un grande Maestro, caratterizzato anche da doti umane non comuni. La proposta avanzata dal Dipartimento di Medicina Clinica, Sanità Pubblica, Scienze della Vita e dell’Ambiente (MeSVA) e approvata dal Senato Accademico nella seduta del 15 dicembre 2020, è stata molto apprezzata dall'intera comunità degli studenti e degli specializzandi che hanno avuto la fortuna di conoscere, apprezzare, stimare e amare il Prof. Pietro Leocata.
Alla Cerimonia, prevista mercoledì 13 gennaio, ore 12.00, saranno presenti il Magnifico Rettore, Prof. Edoardo Alesse, il Direttore del Dipartimento MeSVA, Prof. Guido Macchiarelli, la Direttrice del Dipartimento di Scienze Cliniche Applicate e Biotecnologiche, Prof.ssa Francesca Zazzeroni, il Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Anatomia Patologica dell’Ospedale S. Salvatore, Prof. Giuseppe Calvisi.
E’ altresì previsto il collegamento telematico con il Prof. Skender Topi, Rettore dell’Università di Elbasan, con cui il Prof. Leocata aveva da anni stretti rapporti di collaborazione didattica e scientifica.
La commemorazione si concluderà con la benedizione dell’Aula “Pietro Leocata” da parte di Padre Luciano, Cappellano dell’Ospedale San Salvatore.

Allmedia Comunicazioni P.I.01986210688 - tel. 3279033474
Testata giornalistica AllNewsAbruzzo.it registrata presso il Tribunale di Pescara al n. 18/2011 dell'8/11/2011 - Iscrizione al Roc n. 22390.
Alcune fotografie potrebbero essere prese dalla rete considerandole di dominio pubblico. I legittimi proprietari, contrari alla pubblicazione, possono contattare la redazione.