<<

EMYS DAY, GIORNATA MONDIALE DELLA TARTARUGA A SERRANELLA

Domenica 23 maggio attività e laboratori per conoscere la testuggine palustre europea

SANT'EUSANIO DEL SANGRO – Domenica 23 maggio si celebrerà la Giornata Mondiale delle Tartarughe e delle Testuggini per promuovere il rispetto e le conoscenze su questi antichi rettili e la consapevolezza sul pericolo di estinzione che corrono numerose specie anche e soprattutto per la scomparsa e per la drammatica riduzione dei loro habitat naturali in tutto il mondo.
In Italia vivono diverse specie di testuggini (questo il nome che si usa per le specie terricole e palustre) e tartarughe (specie marine), tutte considerate a rischio. Nei corsi d’acqua troviamo la testuggine palustre europea, Emys orbicularis, minacciata e in calo in tutta Italia. In Abruzzo l'Oasi WWF Lago di Serranella, che aderisce alla Giornata Mondiale, è il luogo dove si ha la maggiore concentrazione di questo raro animale. Una specie gravemente minacciata dal degrado degli habitat e dall’introduzione di specie aliene, in particolare la testuggine americana Trachemys scripta.
Quest'anno durante l'Emys Day, promosso in collaborazione con il Gruppo Erpetologico Abruzzese e Molisano e l'SHI Sezione Abruzzo e Molise, sarà presentato il “Gioco dell'Emys”, prodotto pensato per imparare giocando e le caratteristiche della Emys e della sua pericolosa “cugina” d’oltreoceano in maniera da sensibilizzare adulti e bambini sulle problematiche legate alla conservazione della specie e degli habitat in cui vive.
Dalle 9.30 inizieranno le attività che prevedono giochi, laboratori, osservazioni in natura e escursioni lungo i sentieri della riserva insieme agli operatori della Cooperativa Terracoste e agli erpetologi del GERPAM e della SHI. La partecipazione è gratuita con prenotazione obbligatoria.

Allmedia Comunicazioni P.I.01986210688 - tel. 3279033474
Testata giornalistica AllNewsAbruzzo.it registrata presso il Tribunale di Pescara al n. 18/2011 dell'8/11/2011 - Iscrizione al Roc n. 22390.
Alcune fotografie potrebbero essere prese dalla rete considerandole di dominio pubblico. I legittimi proprietari, contrari alla pubblicazione, possono contattare la redazione.