<<

ANCHE L'ABRUZZO A ROMA PER MANIFESTARE DAVANTI AL MITE

No Snam, No Hub del Gas: stop greenwashing, fermare i progetti fossili.

PESCARA - Stamattina 50 attivisti abruzzesi del Coordinamento No Snam - No Hub del Gas hanno partecipato al sit-in davanti al Ministero della Transizione Ecologica a Roma per contestare il Ministro Cingolani nell'ambito dell'iniziativa "Basta greenwashing" promossa dalla rete di comitati "Per il clima, fuori dal Fossile".
Assieme a delegazioni di comitati dal Veneto, Puglia, Molise, Lazio, Lombardia, Marche ed Emilia Romagna e di associazioni e movimenti nazionali come Friday For Future, Extinction Rebellion Laudato Sii e Greenpeace, hanno voluto ricordare al ministro che la crisi climatica si combatte azzerando le emissioni dalle fonti fossili, metano compreso.
Il Ministro per Transizione Ecologica finora, a parte molte chiacchiere, ha approvato nuove trivelle in mare e in terra nonché diversi progetti di nuove centrali a gas. Un'ipocrisia palese, alle luce dell'ennesimo rapporto allarmante dell'IPCC e considerato che la stessa Agenzia Internazionale dell'Energia ha evidenziato la necessità di non finanziare da oggi nuovi progetti fossili se vogliamo provare a rispettare gli accordi di Parigi sul clima.
Per l'Abruzzo ciò vuol dire fermare la centrale di compressione che la Snam vuole realizzare a Sulmona assieme al metanodotto Sulmona-Foligno, i nuovi progetti di perforazione a Bomba e in Adriatico di fronte a Martinsicuro e tutti gli altri progetti dei petrolieri a cui la proposta di Piano delle Aree del ministero apre le porte nel medio Adriatico. A questi si aggiungono i potenziamenti di alcuni impianti fossili come il metanodotto San Salvo - Biccari e lo stoccaggio gas Treste.

Allmedia Comunicazioni P.I.01986210688 - tel. 3279033474
Testata giornalistica AllNewsAbruzzo.it registrata presso il Tribunale di Pescara al n. 18/2011 dell'8/11/2011 - Iscrizione al Roc n. 22390.
Alcune fotografie potrebbero essere prese dalla rete considerandole di dominio pubblico. I legittimi proprietari, contrari alla pubblicazione, possono contattare la redazione.