<<

CARTA DEGLI AIUTI DI STATO E FINALITÀ REGIONALE 2022-2027

Le dichiarazioni dei sindaci della Valle del Fino

TERAMO - Un’importante opportunità si è aperta ieri per 80 comuni della Regione Abruzzo che si vedranno riconosciuti finanziamenti mirati a favorire lo sviluppo economico del territorio. I comuni da 30 sono diventati 80 individuati con diversi criteri tra cui la vocazione industriale. Oltre a questi criteri ne sono però stati analizzati altri non specifici come ad esempio l’appartenenza ad uno dei crateri sismici o la contiguità territoriale. "E’ per questo motivo che ci chiediamo come mai i paesi della Valle del Fino, una Valle già profondamente segnata dalla crisi economica degli ultimi anni, dai terremoti, dalla nevicata del 2017, prima zona rossa d’Abruzzo, insieme all’area Vestina, durante la pandemia Covid, non è stata ricompresa fra questi comuni. -lo affermano i Sindaci Catiuscia Cacciatore comune di Arsita, Renzo Saputelli comune di Bisenti, Vincenzo D’Ercole comune Castiglione Messer Raimondo, Alberto Giuliani comune di Castilenti e Ernesto Piccari comune di Montefino- L’ area della Valfino nel corso degli anni ha vissuto la chiusura di molte attività industriali ed economiche con la conseguente perdita di numerosi posti di lavoro che ha innalzato in maniera preoccupante il tasso di disoccupazione; inoltre essa è un’area attigua a comuni più grandi dove insistono industrie manifatturiere che oggi subiscono una grave crisi che inevitabilmente si ripercuote sul nostro territorio. Per questi motivi siamo convinti che i nostri paesi abbiano tutte le caratteristiche per essere beneficiari delle opportunità che questi finanziamenti porterebbero sul territorio con conseguenze positive sul tessuto socio- economico. Noi siamo Sindaci chiamati ad amministrare territori difficili ma che devono essere sostenuti dalle Istituzioni in maniera concreta".

Allmedia Comunicazioni P.I.01986210688 - tel. 3279033474
Testata giornalistica AllNewsAbruzzo.it registrata presso il Tribunale di Pescara al n. 18/2011 dell'8/11/2011 - Iscrizione al Roc n. 22390.
Alcune fotografie potrebbero essere prese dalla rete considerandole di dominio pubblico. I legittimi proprietari, contrari alla pubblicazione, possono contattare la redazione.