<<

APERTA FINO AL 15 DICEMBRE LA MOSTRA 'O VOCE DI COLUI CHE PRIMAMENTE'

Le parole di Dante. Le carte di d’Annunzio, al Mediamuseum

PESCARA - La Mostra “O voce di colui che primamente”, promossa dal Centro Nazionale di Studi Dannunziani presieduto da Elena Ledda, inaugurata Venerdì 5 novembre, resterà aperta al Mediamuseum di Pescara (Piazza Alessandrini, 34) fino al 15 dicembre – su prenotazione - per le Scuole (martedì e giovedì, ore 9-12) e fino al 30 novembre per il pubblico (martedì, mercoledì e giovedì, ore 17-19). Ingresso libero.
La Mostra, curata da Maria Teresa Imbriani, su progetto grafico di Isabella Mazzatura, è un percorso che, attraverso il materiale composito di autografi, codici, prime edizioni e immagini, ci conduce alla scoperta del rapporto più vivo e profondo fra Dante e Gabriele d’Annunzio.
L’esposizione è stata possibile in forza delle tecnologie digitali che aprono nuove prospettive di ricerca e di fruizione dell’opera d’arte, compresa quella letteraria. I documenti digitalizzati, provenienti soprattutto dalla Fondazione “Il Vittoriale degli Italiani”, grazie alla generosa concessione del Presidente Giordano Bruno Guerri, compensano la perdita dell’aura dell’originale con il grande vantaggio di poter accostare, ingrandire, evidenziare ciò che più interessa, rendendo percepibili echi, accostamenti e discendenze. “Quello che viene qui proposto – sottolinea la curatrice - è uno dei possibili itinerari nel mare magnum dell’”officina” dannunziana. Abbiamo voluto seguire d’Annunzio nella sua ricerca cogliendolo al tavolo di lavoro e, come una delle tante possibili direttrici dell’opera sua a confronto con quella di Dante, abbiamo voluto farlo guardando direttamente le sue carte, quelle delle opere compiute, ma anche le annotazioni e le chiose di cui abbondano gli autografi. Lo abbiamo sorpreso mentre compone, mentre legge, mentre annota, mentre costruisce il suo monumento di carte ovvero quell’opera d’arte che lo rende degno, unico erede di Dante”. I documenti esposti sono appunti - alcuni inediti - vergati a penna e matita, a margine della Divina Commedia. Sono prime stesure, lettere, nè manca un prezioso taccuino. E la presenza di Dante è palpabile, vitale. Con l’ausilio della filologia delle varianti, seguendo percorsi intertestuali dove non manca il rimando all’immagine, si entra, dunque, nell’”officina” feconda del Vate dei tempi nuovi, approdando nel paradiso terrestre dell’arte.

Allmedia Comunicazioni P.I.01986210688 - tel. 3279033474
Testata giornalistica AllNewsAbruzzo.it registrata presso il Tribunale di Pescara al n. 18/2011 dell'8/11/2011 - Iscrizione al Roc n. 22390.
Alcune fotografie potrebbero essere prese dalla rete considerandole di dominio pubblico. I legittimi proprietari, contrari alla pubblicazione, possono contattare la redazione.