<<

COSA AVREBBE CANTATO OGGI DE ANDRE', SERATA PER L'OASI WWF CALANCHI DI ATRI

Martedì 21 dicembre al Teatro comunale di Atri musica e riflessioni con Umberto Braccili e il Gruppo Princesa promossa dai volontari della Protezione Civile Gran Sasso

ATRI - Martedì 21 dicembre alle ore 20:30 al Teatro comunale di Atri, con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale, i volontari della Protezione Civile “Gran Sasso” promuovono “Cosa avrebbe cantato oggi Fabrizio De André”, una serata di musica e riflessioni.
Fabrizio De Andrè, con le sue musiche e i suoi testi, è sempre stato dalla parte della gente comune e dei più umili. La serata al Teatro di Atri prova ad immaginare quali temi avrebbe toccato oggi. Lo farà con il gruppo Princesa, che ripercorrerà la carriera musicale del cantautore genovese, e con il giornalista Umberto Braccili che inviterà sul palco persone che, attraverso le buone pratiche messe in campo o a causa delle ingiustizie subite, possono raccontare l’oggi della nostra società in questo periodo così particolare.
L’incasso della serata sarà devoluto all’Oasi WWF Riserva regionale dei Calanchi di Atri per il progetto di educazione ambientale “Custodire la Terra”, dedicato all’agricoltura e al dissesto idrogeologico. Un progetto rivolto alle scuole superiori nel quale si affronta il tema dei cambiamenti climatici e gli impatti che stanno avendo sulle produzioni agricole e come queste ultime, a loro volta, stanno causando i cambiamenti climatici stessi.
Il biglietto si può acquistare direttamente in teatro oppure tramite ciaotickets al link: https://www.ciaotickets.com/biglietti/musica-e-parole-cosa-avrebbe-cantato-oggi-fabrizio-de-andre

Allmedia Comunicazioni P.I.01986210688 - tel. 3279033474
Testata giornalistica AllNewsAbruzzo.it registrata presso il Tribunale di Pescara al n. 18/2011 dell'8/11/2011 - Iscrizione al Roc n. 22390.
Alcune fotografie potrebbero essere prese dalla rete considerandole di dominio pubblico. I legittimi proprietari, contrari alla pubblicazione, possono contattare la redazione.