<<

CCOPALMERI CON 'BALLA PER ME' IN MOSTRA A VENEZIA

Per la mostra 'L’imperfetta bellezza' inaugurata ieri nella galleria d’arte Imago Ars

PESCARA - Si chiama “Balla per me”. È il nuovo gioiello di Franco Coccopalmeri, selezionato per la mostra 'L’imperfetta bellezza' inaugurata ieri nella galleria d’arte Imago Ars di Venezia.
“Abbiamo la capacità di vedere la bellezza nell’imperfezione?” è la provocazione lanciata dalla curatrice Gina Affinito. “La ricerca dell’aureo nelle cose imperfette e incomplete è l’accettazione del non convenzionale. E in quelle cose imperfette rivediamo noi stessi, quella parte di noi con difetti e debolezze.”
Gli artisti partecipanti hanno espresso la personale concezione del “bello”, anche e soprattutto, se imperfetto.
“La vita è bella, anche se imperfetta” ha detto Coccopalmeri durante la cerimonia di premiazione con consegna dell’attestato per la sua opera. “E dobbiamo gioire nell'imperfetta bellezza. C'è sempre un motivo per continuare a sorridere, anche quando le cose vanno male. Un gesto di un amico, l'amore del partner, l'affetto della famiglia.”
Il gioiello “Balla per me” è ispirato alla celebre frase attribuita a Gandhi: "La vita non è aspettare che passi la tempesta, ma imparare a ballare sotto la pioggia". È un incoraggiamento da dare a chiunque attraversi un momento difficile. E soprattutto a chi sa di dover affrontare ostacoli impegnativi.
“A volte” ha concluso Coccopalmeri “ai cari che si buttano giù diciamo di reagire e, nei casi più gravi, di farlo almeno per chi gli è accanto e soffre a vederli così. Insomma, un consiglio che dobbiamo dare a tutte le persone che amiamo? Impara a ballare sotto la pioggia. Balla per me!”

Allmedia Comunicazioni P.I.01986210688 - tel. 3279033474
Testata giornalistica AllNewsAbruzzo.it registrata presso il Tribunale di Pescara al n. 18/2011 dell'8/11/2011 - Iscrizione al Roc n. 22390.
Alcune fotografie potrebbero essere prese dalla rete considerandole di dominio pubblico. I legittimi proprietari, contrari alla pubblicazione, possono contattare la redazione.