<<

TENNIS, PRESENTATO L’ATP CHALLENGER DI ROSETO DEGLI ABRUZZI

Evento in esclusiva europea prenderà il via domenica 6 marzo sui campi del Tennis Club Roseto

ROSETO DEGLI ABRUZZI - Si è svolta stamani nella Sala consiliare del Municipio di Roseto degli Abruzzi la cerimonia inaugurale degli Internazionali di Tennis Regione Abruzzo, secondo la formula back to back, che prenderà il via domenica 6 marzo sui campi del Tennis Club Roseto. In apertura è stato lanciato un messaggio di pace e ribadita la solidarietà di tutti al popolo ucraino.
La manifestazione sportiva colloca Roseto degli Abruzzi al centro del tennis internazionale, considerato che sono gli unici due Challenger in programma dal 7 al 20 marzo in Europa. Sarà un evento aperto al pubblico che vedrà scendere in campo giocatori affermati e giovani promesse. Confermata la presenza di numerosi italiani, tra i quali Stefano Travaglia, attualmente impegnato in Coppa Davis, Alessandro Giannessi, Flavio Cobolli, ventenne top 200, Andrea Pelleggrino.
“Roseto conferma la sua vocazione di città del Turismo e dello Sport – ha detto il sindaco Mario Nugnes – una vocazione che stiamo implementando con importanti progetti e collaborazioni. Oggi abbiamo la riprova della bontà del percorso avviato grazie alla presenza di un torneo di tennis di livello internazionale”. “E’ motivo di orgoglio partecipare a questo evento inaugurale per il quale Roseto degli Abruzzi si appresta a diventare la capitale dello sport – ha sottolineato il Presidente del CONI regionale Enzo Imbastaro – “Il Comitato Olimpico – ha aggiunto - sarà sempre disponibile a dare il suo contributo”. Per il torneo di singolare maschile di ogni tappa del Challenger parteciperanno 24 giocatori alle qualificazioni e 32 al main draw; al doppio maschile 16 coppie.
Due delle wild card andranno ad Andrea Picchione e Giorgio Ricca. Picchione, 23enne aquilano (834), numero uno abruzzese, sempre più protagonista nel circuito internazionale, ha raggiunto la sua seconda finale del tour ITF a Nules in Spagna. Ricca, 27enne rosetano (925), ha di recente conquistato in doppio, insieme al licatese Luca Potenza, l’accesso agli Internazionali d’Italia. “È una manifestazione straordinaria non solo per il tennis ma per tutto lo sport abruzzese ed europeo, uno sogno che diventa realtà” – sono le parole del promoter Luca Del Federico – “Il back to back è una formula innovativa: nello stesso giorno della prima finale del 13 marzo inizieranno le qualificazioni della seconda settimana. Sicuramente uno sforzo notevole al quale facciamo fronte mossi da una grande passione, anche con il sostegno della Regione Abruzzo e del Comune di Roseto”.
Al momento inaugurale è seguito il taglio del nastro dell’impianto del Tennis Club Roseto adeguato alle norme ATP e approntato per l’occasione. Un risultato che è frutto del grande lavoro di squadra dello staff del Tennis Club realizzato in meno di due mesi. Un gioiellino viene consegnato al torneo e alla città: dall’allestimento di una tribuna da quasi mille posti all’implementazione della rete elettrica e al cablaggio della rete wi-fi per la diretta streaming delle partite su Challenger Tv, dal rifacimento dei campi alla sistemazione del verde. “Per il circolo è stato un impegno oneroso - ha evidenziato il presidente del Tennis Club Roseto Luigi Bianchini, – che mi auguro possa dare i suoi frutti nel futuro, soprattutto come vetrina per la città di Roseto.
Anche gli studenti dell’Istituto “Moretti” di Roseto degli Abruzzi saranno parte attiva della manifestazione grazie ad una collaborazione avviata con il TC Roseto nell’ambito dei progetti formativi alternanza scuola-lavoro. Sono 40 i ragazzi che, insieme agli atleti del circolo, sono stati addestrati per fare i raccattapalle e 20 studentesse, frequentanti l’indirizzo turistico, che assumeranno il ruolo di hostess durante il torneo.

Allmedia Comunicazioni P.I.01986210688 - tel. 3279033474
Testata giornalistica AllNewsAbruzzo.it registrata presso il Tribunale di Pescara al n. 18/2011 dell'8/11/2011 - Iscrizione al Roc n. 22390.
Alcune fotografie potrebbero essere prese dalla rete considerandole di dominio pubblico. I legittimi proprietari, contrari alla pubblicazione, possono contattare la redazione.